Averza, paese mio

Giuseppe Fabozzi Dopo la precedente poesia che parlava delle nostre radici e dei luoghi comuni, ho il piacere di presentarvi un altro mio componimento che riporta all’Aversa che fu con un po di nostalgia….

 

 

Averza, paese mio

Averza, paese mio,
te s’‘i perza ‘int’e suonne
‘e chi t’‘a vuluto bbene.

Comme s’‘i cagnata!
S’‘i cresciuta pure tu
e mo ca parle pure ‘o “taliano”
overo nun ce capimmo chiù.

Quant’anne s’‘o passate
ca fore e vascetielle
se stennevano e bancarielle,
e ‘a primma campana
t’accumpagnava a messa.

Averza mia nun s’‘i chiù a stessa:
addò stanne chiù
chelli voce antiche
ca saglievano de viche?
Chelli chiorme ‘e guagliuncielle
ca jenchievano e quartiere?

Giesù comm’ire bella ajere
cu tutte ‘e funtanelle
a ogni angulo ‘e vie.
E penzanne ‘e cantenelle
chiù me piglia ‘a nostalgia
d’ ‘e fronne ‘e limone
c’addeventavene canzone,
e addore d’ ‘e ciardine
c’ aprimmavera se spanneva dint’all’aria.

Quant’anne s’ ‘o passate!
Averza paese mio,
comme s’ ‘i cagnata
nun te cunosche chiù:
mo s’ ‘i rimasto sulo
nu suonno ‘e gioventù.

 

Rispondi

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.