Core normanno

Giuseppe Fabozzi

Di seguito una mia poesia in vernacolo sul millennio di Aversa dal titolo “Core normanno”, poesia già pubblicata e molta apprezzata sia dal pubblico che dagli addetti ai lavori.

Un omaggio alla Città, alla sua storia ed alle sue meraviglie da un aversano doc nel cuore e nell’anima…

 

Se dice “Averza ‘o paese de pazze
ma nunn’è overo simme ‘e bona razza,
simme ‘e stirpe antiche.
Basta ca vaje pe’viche
‘o vaje pe’ quartiere
e ‘stu popolo guerriero
ne vide ancora ‘e tracce.

Se dice pure ca tenimmo doje facce
comme ‘o lilorge d’‘a ‘Nunziata
ma je che cca ce so’ nnato
ve dico che è sulo ‘na buscia
overo tenimmo quacche mania
ma chi è ca nun tene nu difetto
esiste forse l’essere perfetto?

Sentite a mme, nun c’esiste città cchiù bella
cca tenimmo‘a meglia muzzarella
e nu signore bicchiere ‘e vino
ca se chiama Asprino
so’ cheste ‘e cose ca ce fanno onore
pecchè so’ fatte co’ core
core averzano ca doppo mill’ anne
è sempe nu core normanno.

Giuseppe Fabozzi             08/II/06

1 Commento

Rispondi

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.